Impossibile pucciare il biscotto

Succede a tutti di sbagliare i calcoli, ma raramente se ne pagano le conseguenze in maniera più crudele e fastidiosa di quando in mezzo ci sono latte e biscotti. Vale anche con il tè o con una tazzona di caffèlatte se siete di quelli che lo preferiscono. Diciamo che l’esperienza dovrebbe insegnare molto e dopotutto si vive anche e soprattutto per questo, per poter evitare certi calcoli malfatti che rendono assai meno godibile e molto più sbricioloso, oltre che scomodo, l’impuccio.
Un bel bicchiere di latte, il divano (ma anche la tavola della colazione o quel che si preferisce, non è tempo di formalizzarsi), un bel biscottone in mano e l’orrida realtà: quel promettente agglomerato secco e profumoso di farina, cioccolato, zucchero, burro e chissà quali altri conservanti o additivi… be’, non ci entra.

Il suo diametro supera quello del bicchiere o della tazza. Quanto scoramento, quante lagne, che fastidio doverlo dividere a metà. Sperando, oltretutto, che la spaccatura risulti precisa e non si sparga ben di Dio per ogni dove. Ancora peggio se il dramma si consuma a letto, a quel punto è possibilissima la combo del doppio fastidio: il biscotto da spezzare, le metà da sorreggere assieme al bicchiere e le diaboliche briciole nel letto. Non riesco neanche a pensare a qualcosa di peggio. Tranne forse la voce di Luca Laurenti, ma a quella dedicheremo un altro post più avanti.

4 commenti

Archiviato in Imprecisioni

4 risposte a “Impossibile pucciare il biscotto

  1. Ficcanaso

    Il fastidio di non riuscire a bere agevolmente da un flute quando il tuo naso è aquilino, per non dire peggio. Altrimenti puoi sempre arcuarti all’indietro che nemmeno un ballo di limbo fastidio. Se poi hai il naso di Adrien Brody preparati al contorsionismo. Il fastidio che questo post, tra bicchieri e pucciamenti, rimandi al fastidioso pensiero di un naso fastidioso. Fastidio fastidio fastidio. Naso naso naso. Mettiamoci dentro gli esquimesi e pure estiquatsi. Enjoy fastidio.

  2. Penso di essermi perso a un certo punto. E non sono neanche sicuro che sia arte.

  3. Vogliamo parlare delle briciole he si spargono irrimediabilmente in ogni dove, mentre spezzi il biscottone? Che poi, i biscotti, più grandi sono, più sono buoni! Viva le tazze da bambino di due anni, con i manici e il diametro che se volessi ci potresti pucciare una pizza.🙂

  4. Ah, sono tazze per bambini quelle? Sempre l’ultimo a leggere le circolari.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...